Salta al contenuto

cosa dice la legge

La normativa nazionale e regionale in vigore individua nell’Anagrafe canina la modalità obbligatoria per censire tutti i cani, e su richiesta i gatti e i furetti, cioè gli animali considerati da compagnia per i quali è necessario il passaporto per poter andare all’estero.

Il censimento è effettuato tramite iscrizione del proprio animale al registro regionale, collegato con l’Anagrafe canina nazionale.

E' obbligatorio iscrivere all'anagrafe:

  • tutti i cani
  • i gatti e furetti che viaggiano all’estero

All'anagrafe canina vanno registrate anche tutte le variazioni (cambi di residenza, cessioni ad altre persone, decesso, etc.).

Le pratiche possono essere espletate presso i veterinari accreditati oppure presso lo sportello Anagrafe Canina

Tutti i proprietari o detentori di cani, devono provvedere all’iscrizione dell’animale nel comune di residenza della persona responsabile/detentore dell’animale.


Se non si provvede come da normativa in vigore sono previste sanzioni amministrative.

iscrizione di nuovo animale

  • I cuccioli vanno iscritti entro 30 giorni dalla nascita
  • le nuove acquisizioni vanno iscritte entro 30 giorni da quando si viene in possesso dell'animale non iscritto
  • al momento dell’iscrizione  viene rilasciato il microchip, al costo attuale di 5 euro l’uno. Il microchip va installato all’animale entro 30 giorni.

acquisizione / cessione

I passaggi di proprietà vanno effettuati entro 15 giorni.

Passaggi tra cittadini residenti in Regione Emilia-Romagna

Se il passaggio del cane avviene tra cittadini residenti in Regione Emilia Romagna, il proprietario cedente l'animale deve compilare il “Modulo di passaggio di proprietà” e consegnarlo all’Anagrafe Canina oppure ad un veterinario accreditato.
Il modulo deve riportare la data di cessione e i dati del nuovo proprietario e va obbligatoriamente corredato di copia dei documenti di identità di entrambi i proprietari (chi chi cede e chi acquisisce).
Se l’animale  già  fornito di tatuaggio o microchip occorre presentarsi con la copia del documento di installazione del microchip/tatuaggio firmato dal veterinario che ha eseguito l'intervento.

Il nuovo proprietario dovrà poi recarsi presso la sua Anagrafe canina o presso il veterinario accreditato per completare l'acquisizione a suo nome.

passaggi tra cittadini residenti in altre regioni

Se si prende un cane da un proprietario non residente in regione, il Modulo di passaggio di proprietà va consegnato all'anagrafe canina a cura del nuovo proprietario: occorre presentarsi con la  copia della cessione del cane fatta nell'anagrafe canina del cedente, che riporti i dati del vecchio e del nuovo proprietario.

decesso dell'animale animale

La denuncia è obbligatoria per legge e va effettuata entro 15 giorni dall’evento dal proprietario.
La denuncia può essere effettuata anche via email.

smarrimento, sottrazione o ritrovamento

La denuncia è obbligatoria per legge e va effettuata entro 3 giorni dall’evento.

cambi di residenza del proprietario

Per legge va effettuata entro 15 giorni dall’evento.

deleghe

E' possibile completare le pratiche relative a iscrizioni e denunce di variazioni anche per delega scritta; occorre allegare copia del documento d'identità.

La delega è consentita solo nei casi di impossibilità a presentarsi del proprietario dell'animale

passaporto europeo per animali da compagnia

Per il rilascio del passaporto europeo occorre rivolgersi al servizio Igiene Veterinaria dell’Azienda Usl di Imola.

Contatti

URP

Ufficio Relazioni con il Pubblico

Modulistica

Ulteriori informazioni

Indicazioni generali per i proprietari/detentori di animali da compagnia
  • L’Accordo della conferenza unificata stato regioni del 24/0172013 rep. Atti n. 5 art.. 1 c. 2 definisce che “il proprietario o il detentore di un cane provveda a far identificare e registrare l’animale”
  • l’Ordinanza del Ministero della Salute 14 febbraio 2013 "Misure per l'identificazione e la registrazione della popolazione canina"(GU Serie Generale n.51 del 1-3-2013) sancisce “misure e provvedimenti idonei a garantire l'identificazione, il monitoraggio e la tracciabilita' degli animali d'affezione, nonche' disposizioni specifiche in materia di responsabilita' e doveri del proprietario o del detentore di animali d'affezione
  • la D.G.R. 409 del 15/4/2013 punto 1 comma b definisce che “il proprietario o il detentore di un cane provveda a far identificare e registrare l’animale”.

Si può entrare in possesso o disponibilità di un cane o per nascita da cani già in possesso o acquistandolo presso gli allevamenti, i privati, i negozi specializzati oppure adottandolo gratuitamente dal canile municipale.
E’ comunque molto importante avere un’indicazione sulla scelta del cane da persone qualificate (addestratori, veterinari), in modo da essere ben consapevoli delle caratteristiche di razza che ne contraddistinguono ognuno.

Comunque si venga in possesso o disponibilità di un cane l’animale deve essere iscritto all’anagrafe canina regionale o presso il comune di residenza, o presso i medici veterinari liberi professionisti (dal 1 gennaio 2016 possono effettuare l’iscrizione solo se accreditati dalla regione E.R.) in quanto la rapida e certa identificazione degli animali permette non solo al proprietario/detentore che ha smarrito il proprio cane di ritrovarlo in tempi più brevi, ma ne impedisce anche l’abbandono da parte di persone irresponsabili, riducendo drasticamente il fenomeno del randagismo e della popolazione canina costretta a vivere nei canili a spese della collettività.

Attenzione L’iscrizione al registro ENCI dei cani di razza NON sostituisce l’iscrizione all’anagrafe canina che è sempre e comunque obbligatoria.

  1. Per i nuovi nati l’Ord. Minist. 2/8/2008 prevede che è obbligatorio provvedere a identificare e registrare l’animale nel secondo mese di vita mediante l’applicazione del microchip.
  2. La Del Reg. 139 del 7/2/2011 prevede che i proprietari/detentori (come da Accordo Stato Regioni) di cani, gli allevatori e i detentori a scopo di commercio sono tenuti a iscrivere gli animali all’anagrafe canina entro 30 giorni da quando ne vengono a qualsiasi titolo in possesso e comunque prima della vendita o cessione. Va segnalato l’indirizzo in cui il cane è detenuto prevalentemente, se diverso da quello di residenza del proprietario/detentore.

Con nota della Regione Emilia Romagna lett. N. 353 prot. PG/2010/ 98634 dell’8/4/2010 viene chiarito che ”l’Ordinanza Ministeriale sancisce all’art. 1 comma 4 che tutti i cani devono essere accompagnati in tutti i loro trasferimenti di proprietà dal certificato di iscrizione all’anagrafe canina.
La stessa ordinanza all’art. 2 vieta oltre che la vendita di cani di età inferiore ai due mesi anche la vendita, includendo anche la cessione, di cani non identificati e registrati in conformità alla presente ordinanza.

I cani devono essere identificati e iscritti all’anagrafe canina prima della vendita o cessione.

In caso di registrazione presso il Comune il proprietario/detentore deve recarsi entro 30 giorni da un medico veterinario per l’inserimento del microchip. Lo stesso veterinario completerà le pratiche di iscrizione all’anagrafe canina.

L’iscrizione all’Anagrafe Canina è gratuita.
E’ da prevedere solo il costo del rilascio del microchip.

Il certificato di iscrizione in anagrafe canina deve accompagnare il cane in tutti i trasferimenti di proprietà e di residenza.

Il proprietario/detentore è anche tenuto a segnalare all’anagrafe canina:

entro 15 giorni:

  • il decesso dell’animale
  • il cambio di residenza del proprietario dentro e fuori comune
  • il passaggio di proprietà (è necessario presentarsi con dati anagrafici del nuovo proprietario/detentore –e cioè cognome e nome, indirizzo, luogo e data di nascita, telefono, copia del documento di identità e foglio firmato anche del nuovo proprietario),

entro 3 giorni:

  • lo smarrimento
  • la sottrazione
  • il ritrovamento del cane.

I proprietari/detentori sono sempre responsabili dei propri animali, anche quando sono affidati ad altra persona (sentenza Corte Cassazione 34765- sett. 2008).

La denuncia e qualsiasi altra variazione va effettuata dal proprietario/detentore: se si vuole effettuare l’operazione presso l’anagrafe canina ci si deve presentare presso il Comune di residenza nelle giornate di apertura al pubblico (o altrimenti su appuntamento), muniti di:

  • un documento di identità
  • la documentazione relativa al tatuaggio o al microchip, se il cane ha già un codice identificativo (certificazione veterinaria di istallazione del microchip, certificato di iscrizione ad altra anagrafe canina, passaporto europeo, attestato iscrizione libri genealogici)
  • modulo passaggio proprietà in caso di cessione (anche in caso di acquisizione da regioni diverse dall’Emilia Romagna) e relative copie dei documenti di identità.

Se il proprietario/detentore non può presentarsi personalmente, può effettuare la denuncia un’altra persona purché munita del proprio documento di riconoscimento e della fotocopia del documento di identità del proprietario del cane, accompagnata dalla delega scritta se le due persone non fanno parte dello stesso nucleo familiare.

Se l’iscrizione e l’acquisizione del microchip sono effettuati presso l’anagrafe canina, entro 30 giorni ci si dovrà rivolgere a un veterinario che dovrà installare il microchip e completare inserendo i dati nel programma regionale. Una copia dovrà essere custodita dal proprietario/detentore per l’esibizione agli addetti alla vigilanza e al controllo.


Lo sportello di anagrafe canina rilascia anche il “tesserino” del cane, una specie di carta di identità molto utile per dimostrare l’iscrizione dell’animale in anagrafe canina.

In rispetto alla nota del Ministero della Salute del 03/07/14 – “Linee Guida relative alla movimentazione e registrazione nell’anagrafe degli animali d'affezione ai sensi dell’Accordo 24 gennaio 2013 tra il Governo, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, le province, i comuni e le comunità montane in materia di identificazione e registrazione degli animali d’affezione”, ogni cessione o acquisizione di un cane (o altro animale d'affezione) deve essere accompagnata, al momento della registrazione presso l'anagrafe canina o presso un veterinario accreditato, dal "Modulo per passaggio di proprietà" e dalla fotocopia dei documenti d'identità sia del cedente che dell'acquirente.

Solo all'interno della regione Emilia Romagna, in caso quindi di cessione fra comuni all'interno della Regione Emilia Romagna, qualora il cedente abbia fatto regolare cessione e compilato il modulo di passaggio di proprietà (e sia quindi presente per il comune acquirente il messaggio di cane in entrata), al momento dell'acquisizione il comune dell’acquirente non deve richiedere nè la copia del documento di identità del cedente nè il modulo di passaggio di proprietà.

In sintesi:

  1. chiunque cede un cane deve richiedere all’Anagrafe canina o stampare dal sito internet comunale il “Modulo di passaggio di proprietà”, compilarlo e farlo compilare dall’acquirente del cane, allegare i documenti di identità, e quindi recarsi all’anagrafe canina per fare la cessione.
  2. chiunque acquisisce un cane da un proprietario NON residente in regione, deve richiedere all’Anagrafe canina o stampare dal sito internet comunale il “Modulo di passaggio di proprietà”, compilarlo e farlo compilare da chi cede il cane, allegare i documenti di identità, e quindi recarsi all’anagrafe canina per fare l’acquisizione.

In caso di CESSIONE, il proprietario/detentore deve compilare e consegnare all’Anagrafe Canina o al veterinario accreditato un modulo predisposto dalla Regione indicando cognome e nome, indirizzo, luogo e data di nascita, codice fiscale, telefono del nuovo proprietario/detentore, allegando obbligatoriamente la copia del suo documento di identità e la copia di quello del nuovo proprietario/detentore. In caso di cessione all’interno della Regione Emilia Romagna, qualora il cedente abbia fatto regolare cessione (e sia quindi presente per il comune acquirente il messaggio di cane in entrata), al momento dell’ACQUISIZIONE il comune dell’acquirente non deve richiedere né la copia del documento di identità del cedente né il modulo di passaggio di proprietà.

Per l’identificazione dei cani è stato adottato il microchip in sostituzione del tatuaggio, perché è un metodo ufficiale di identificazione (consiste nell’introduzione sottocutanea in modo completamente indolore e senza danno per l’animale), leggibile e unico in tutto il mondo. Per verificare se l’animale è fornito di microchip occorre l’apposito lettore di cui sono dotati la Polizia Municipale, l’Azienda USL Servizio Veterinario, i veterinari e il Canile Municipale.

Se per qualsiasi motivo e in qualsiasi momento il codice tatuato dovesse risultare illeggibile o il microchip dovesse essere indecifrabile, il proprietario/detentore è tenuto a procedere alla re-iscrizione del cane all’anagrafe canina.

Chi non ottempera a quanto previsto dalla legge (iscrizione e denuncia di ogni variazione, uccisione di un cane identificato senza darne segnalazione entro 5 giorni al Sindaco del Comune del territorio in cui è avvenuto il fatto, ecc.) è soggetto a sanzioni amministrative, oltre che alla denuncia all’autorità giudiziaria nei casi espressamente previsti come reato.

Attenzione
la Del. G. Reg. E.R: n. 139/2011 prevede che i VETERINARI liberi professionisti che si accreditano con la Regione Emilia Romagna sono abilitati alla gestione e possono fare direttamente le pratiche dell’Anagrafe Canina (iscrizione con rilascio di microchip, cessione, acquisizione, denuncia di morte e di smarrimento/ritrovamento), secondo le modalità previste.
I veterinari accreditati possono effettuare qualsiasi tipo di operazione e procedura eseguita tramite il nuovo applicativo, facilitando così il proprietario di animali d’affezione nelle procedure di iscrizione (elenco dei veterinari accreditati nel sito www.anagrafecaninaer.it).

Il microchip viene applicato o dai veterinari liberi professionisti o presso l’Ambulatorio Veterinario del Servizio Igiene Pubblica

Presso lo stesso ambulatorio vengono effettuati gli adempimenti connessi al passaporto europeo per cani, gatti e furetti.
Presentarsi con il cane al guinzaglio, museruola al seguito e ricordarsi di portare il microchip e documentazione ritirata presso l’Anagrafe Canina del Comune di residenza.


Vi sono norme precise per la movimentazione dei cani, gatti e furetti a seguito del proprietario/detentore acquistato/adottato dall’estero: tutte le informazioni utili alla pagina http://appserver.anagrafecaninarer.it/anagrafecaninarpt/Messaggio.html


Maggiori informazioni e ricerca cani per n. microchip nel sito regionale: http://www.anagrafecaninarer.it/acrer/Home.aspx#

Ultimo aggiornamento

22-11-2022 15:11