Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Notizie / Il mio primo Natale da Sindaca di Imola

Il mio primo Natale da Sindaca di Imola

Contenuto d'archivio

Il discorso della Sindaca Manuela Sangiorgi, in occasione delle festività natalizie

Nell’imminenza delle festività del Santo Natale, ricorrenza importante del calendario religioso e occasione congeniale per riscoprire gli affetti più veri in compagnia dei nostri cari, permettetemi, prima di porgervi come da tradizione gli auguri, alcune riflessioni sul mio primo Natale da Sindaca di Imola.

Lo storico cambiamento del corso politico cittadino, sostenuto da uno dei più ampi consensi dell’elettorato in epoca recente, ci ha consegnato l’onore e la responsabilità di rappresentare gli imolesi nell’opera di costruzione di un domani più roseo per la nostra comunità.

Una famiglia meravigliosa costretta a convivere per troppo tempo con una fin troppo evidente confusione gestionale di quella che dovrebbe essere la vera natura amministrativa. Trovarsi al cospetto di discutibili parole, personalismi, anomale sincronie e proclami che ci hanno progressivamente allontanato dalle reali problematiche delle persone ha fomentato un clima di sfiducia all’indirizzo della politica cittadina.

Inevitabili le ricadute sugli assetti della nostra Imola e sulla fisionomia di una macchina comunale non priva di importanti criticità al momento del nostro insediamento. Non vi abbiamo raccontato di avere tra le mani la bacchetta magica per sovvertire nell’immediato questa negativa tendenza ma ci siamo rimboccati le maniche ogni giorno, in silenzio e con tanta umiltà, per materializzare da subito soluzioni alle primarie esigenze.

Prendere la misura del contorto meccanismo governativo ereditato non è stato, e non è tutt’ora, un compito semplice perché anche il più elementare dei passaggi ha richiesto e richiede una tempistica di analisi in grado di depurarlo da quel sistema di convenienze ed opportunità finalizzato alla soddisfazione dei singoli e non della collettività.

Un’autentica mutazione di pensiero e di azione votata al contenimento delle risorse per un loro più razionale impiego; la rivalutazione di professionalità intrinseche alla nostra terra ed inspiegabilmente accantonate, la riscoperta di un entusiasmo popolare sopito ma essenziale per sostenere insieme l’operazione di rilancio di Imola posta alla base del nostro iter amministrativo. Nessun concetto preventivo, facciamo tesoro delle tante radicate eccellenze e dell’orgoglio imolese per potenziare una corsa a tappe che necessita di congrue tempistiche per tagliare il traguardo.

Gli stimoli sono tantissimi perché Imola è davvero un meraviglioso forziere nel quale sono racchiuse le potenzialità che ne hanno sdoganato la propria fama nel mondo. Lavoriamo per dare ulteriore slancio al nostro tessuto economico, agricolo, industriale, commerciale e artigianale in grado di attrarre crescenti investitori; rafforziamo la posizione di assoluto rilievo di un quadro culturale e sportivo che ha una identificata valenza a livello nazionale ed internazionale. Potenziamo un polo turistico e di studio che si rivolge ad una diversificata utenza ed un welfare moderno, economicamente sostenibile, capace di rispondere a bisogni sempre più articolati di persone e famiglie. La salvaguardia dell’ambiente perché l’aria che respiriamo e l’acqua che beviamo non sono e non saranno mai beni primari barattabili; strizziamo l’occhio ai nostri giovani ascoltando le loro idee e restituendogli l’entusiasmo di una partecipazione attiva. Ripopoliamo di vita ed attività un centro storico che desideriamo più sicuro come cuore pulsante dello spirito di appartenenza alla nostra terra, alle nostre tradizioni, alla nostra storia.

Ecco, queste sono soltanto alcune delle fondamentali sfide che abbiamo dinanzi e che ci accomunano tutti, nel rispetto dei rispettivi ruoli. Spirito di collaborazione ed una totale convergenza su un confronto costruttivo anche con le forze di opposizione, basato sul rispetto reciproco delle idee e delle persone. Una forma di conciliazione che non abolisce le legittime distinzioni, ma che le integra rispettandole. Il mio dovere è anche accrescere la responsabilità sociale di tutti, non solo delle istituzioni. Dobbiamo comprendere che questo riguarda tutti noi e non è solo compito di qualcuno.

Mentre ci accingiamo a trascorrere il Santo Natale, a nome di tutta l'Amministrazione comunale di Imola desidero porgervi i migliori auguri, perchè possiate trascorrere questa ricorrenza con serenità insieme ai vostri cari. Ancora tanti auguri.

Manuela Sangiorgi
Sindaca di Imola

Auguri Natale 2018

Pubblicato da

ultima modifica 07/01/2019 12:12 — pubblicato 24/12/2018 18:30