Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Notizie / Il Comune finanzia con 250 mila euro il progetto presentato da ASP Circondario imolese “Costruire Comunità - Uscire dalle macerie”

Il Comune finanzia con 250 mila euro il progetto presentato da ASP Circondario imolese “Costruire Comunità - Uscire dalle macerie”

L’assesora Spadoni: “La forza dell'educazione e della responsabilizzazione per creare sicurezza sociale”

La giunta comunale ha approvato nei giorni scorsi il progetto presentato da ASP Circondario imolese, denominato “Costruire Comunità - Uscire dalle macerie”.

“Questo progetto nato dalla collaborazione tra la nostra Amministrazione, il servizio politiche sociali, e l'ASP, caldeggiato anche dai sindacati in sede di bilancio preventivo, risponde primariamente al desiderio di sicurezza della nostra comunità. Accanto alle necessarie azioni repressive, crediamo fermamente che non debbano mancare interventi educativi e di mediazione in quei contesti in cui più facilmente si generano conflitti” spiega Daniela Spadoni, assessora alle Politiche sociali.

spadoni - seduta

Il progetto, finanziato dal Comune di Imola per 250 mila euro, è finalizzato prevalentemente alla mediazione sociale in ambiti abitativi e residenziali particolarmente fragili, come quelli riconducibili agli alloggi di edilizia residenziale pubblica e/o altre zone e quartieri con problematiche già note e conosciute.

Spadoni: “dopo il Covid noi non vogliamo tornare come prima, ma meglio di prima”

“Il progetto proposto quindi dai servizi sociali parte prima di tutto dallo studio della situazione relazionale in alcuni contesti territoriali già definiti. Alcuni quartieri un po’ più a rischio di conflittualità. Il tutto si basa sulla creazione di un gruppo di lavoro composto da OSS, educatori, coordinati da un assistente sociale che restano fisicamente sul territorio, grazie anche ad un ufficio mobile, realizzato su un camper per essere più vicino ai bisogni reali delle persone” sottolinea l’assessore Spadoni, che aggiunge “il progetto è sperimentale per due anni e contiamo poi, con il consenso dei sindaci del territorio,  se  raggiunge il suo scopo, di poterlo proporre anche alla programmazione circondariale come progetto strutturale. Si avvale comunque della rete di associazioni e realtà presenti già sul territorio, perché abbiamo bisogno di tutti per creare comunità. E da qui proprio il nome al progetto. Creare comunità, uscire dalle macerie, perché dopo il Covid noi non vogliamo tornare come prima, ma meglio di prima”.

Il progetto partirà da alcuni territori in cui vi sono molte abitazioni ACER, per cominciare da lì a risolvere i conflitti che si generano sia in relazione all’uso dei beni pubblici, sia come rapporti tra famiglie. “Nel restare sul territorio si possono incontrare anche fragilità che hanno bisogno di un aiuto ma che avrebbero fatto fatica a palesarsi. E restare sul territorio vuol dire abitare, essere lì presenti e impedire che il vuoto si riempia di non senso. Oltre a ciò, vi è anche l'obiettivo di diffondere la cultura della responsabilità verso i beni comuni, le opere pubbliche, e le relazioni umane” evidenzia l’assessore Spadoni.

La soddisfazione dell’assessora Spadoni

“Come assessora alle politiche sociali sono molto soddisfatta di questo progetto che ha visto la collaborazione nella fase di studio e di elaborazione di tutte le realtà sopra indicate e che ha visto un impegno preciso di questa Giunta appena insediata nel destinare risorse specifiche. Questa Amministrazione comunale crede nella forza dell'educazione e della responsabilizzazione di tutti per costruire una comunità accogliente e che sa integrare, e per raggiungere l'obiettivo della sicurezza nella città” conclude l’assessora alle Politiche sociali, Daniela Spadoni.

Costruire Comunità - Uscire dalle macerie

Delibera di approvazione (n. 191 del 31 agosto 2021)

Scheda del progetto

 

Pubblicato da

ultima modifica 28/09/2021 16:36 — pubblicato 28/09/2021 16:15