Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Notizie / Il Banco di assaggio in Autodromo conquista pubblico e produttori

Il Banco di assaggio in Autodromo conquista pubblico e produttori

Oltre 1.400 gli ingressi nella tre giorni, uno degli appuntamenti di punta del Baccanale: appuntamento al prossimo anno nella stessa location.

Sono stati oltre 1.400 gli ingressi nella tre giorni del Banco di Assaggio dei Vini e dei Prodotti Agroalimentari dell’Imolese, andato in scena all’autodromo di Imola, da venerdì 12 a domenica 14 novembre, nella sala polivalente e annesso terrazzo coperto con vista pit line e traguardo.

Per l’appuntamento, che rappresenta uno dei punti di forza del Baccanale, si tratta di un risultato davvero importante, che conferma il record del 2019, ma soprattutto che dimostra la validità della scelta delle location, molto apprezzata sia dal pubblico sia dalle 21 aziende vitivinicole che hanno presentato in totale 131 etichette.

“Gli ampi spazi, allestiti in modo confortevole, per permettere anche il distanziamento, hanno infatti consentito di degustare appieno i vini, apprezzando ancor meglio anche la presentazione che veniva fatta dai titolari delle aziende stesse, che con grande passione e competenza hanno guidato i tanti presenti all’interno del ricco panorama enologico del territorio imolese. Un territorio che oggi, grazie ai continui investimenti, in campo ed in cantina, al confronto costante con altre realtà, è in grado di esprimere vini di alto livello qualitativo, come dimostrano i prestigiosi risultati ottenuti nelle guide ed i successi commerciali che riscuotono non solo sul mercato nazionale, ma anche su quello globale, dove la qualità del ‘made in Imola’ viene sempre più riconosciuta ed apprezzata come merita” sottolinea Pierangelo Raffini, assessore all’Agricoltura e attività produttive. “Ho raccolto parecchie testimonianze durante i tre giorni e la scelta è stata molto apprezzata sia dai visitatori che dai produttori. Abbiamo anche colto alcune suggestioni per migliorare l’edizione 2022 e, se sarà possibile, allargarla per renderla sempre più interessante” conclude l’assessore Raffini, che dà appuntamento con il Banco d’Assaggio al prossimo anno, nella stessa location.

 

Le Bottiglie del Baccanale in vendita nei Palchi del Gusto

La possibilità di degustare i prodotti tipici del territorio, all’insegna dell’”Amaro” prosegue per tutta la settimana, fino a domenica 21 novembre, giornata conclusiva del Baccanale, anche nei “Palchi del Gusto”, oltre che con i menu del ‘Baccanale’ proposti in 42 ristoranti di Imola e dintorni e con i “fuorimenu”, presentati da 12 pubblici esercizi, pizzerie e attività commerciali.

Al ‘Palco del Gusto’ di Piazza della Conciliazione (dell’Ulivo) da domani e fino a domenica 21, l’amarezza del vino sarà al centro dell’attenzione in “Amaro è … il vino”, grazie al Consorzio vini di Romagna - Comitato DOC Colli d’Imola, che proporrà una selezione di vini ove ritrovare le componenti amare del vino, come la maggior parte degli acidi organici dell’uva, come il tartarico e il malico, ma lo sono anche i tannini.
Da domani fino a domenica, inoltre, sarà possibile acquistare le bottiglie con l’etichetta del Baccanale, che diversi produttori del Comitato DOC Colli d’Imola hanno preparato appositamente per la manifestazione.

Costante e sempre più apprezzata è la presenza, in Piazza Caduti per la Libertà di CACI (Società Agricola Imola) con i propri prodotti derivati ottenuti dalle noce  la rinnovata linea dei Vini del Rapace.

In Piazza Mirri, la Pro Loco di Imola offre un percorso tra i prodotti dell’imolese che presentano diverse intensità di amaro e in Piazza Medaglie d’oro, il Consorzio dello Scalogno di Romagna IGP offre degustazioni e assaggi di questo prodotto così caratteristico del nostro territorio.

I “Palchi del Gusto” sono aperti nei seguenti orari: martedì e giovedì ore 9.30-12.30 (tutti tranne piazza Mirri) e venerdì ore 15-19, sabato e domenica ore 10-13 e 15-19.

 

Baccanale 2021

Pubblicato da

ultima modifica 17/11/2021 18:04 — pubblicato 15/11/2021 18:15