Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Notizie / Dal 1° luglio riaprono le sale studio della BIM, sarà consentito l’accesso allo scaffale aperto

Dal 1° luglio riaprono le sale studio della BIM, sarà consentito l’accesso allo scaffale aperto

Contenuto d'archivio

Prosegue il piano graduale di riapertura dei servizi bibliotecari

Prosegue la riapertura dei servizi bibliotecari e archivistici imolesi, focalizzata a partire dal 18 maggio solo sul prestito dei libri e documenti multimediali a cui si è aggiunto servizio di consultazione in sede del materiale documentario presso la “Sala archivi e rari” con il ritorno degli orari estivi.

A partire dal 1° luglio,  ulteriori riaperture che prevedono:

  • accesso diretto e per tempi limitati allo scaffale aperto per la scelta dei libri da prendere in prestito;
  • postazioni appositamente dedicate e distanziate, per  studiare in BIM;
  • la conduzione di attività culturali presso il cortile della BIM e di attività strutturate e laboratoriali per bambini presso gli spazi aperti di Casa Piani e delle altre biblioteche cittadine

 

I  lettori potranno accedere allo scaffale aperto per scegliere libri e dvd da prendere a prestito, ma con un limite alla compresenza definita in un numero massimo di 10 persone in BIM e a Casa Piani, e con tempi di permanenza massimo di 20 minuti, altrettanto nelle biblioteche decentrate, dove la capienza massima sarà definita in relazione agli spazi.

 

Sarà inoltre possibile tornare a studiare in biblioteca, ma, per evitare sovraffollamenti, sarà definito un numero massimo di utenti che potranno essere contemporaneamente essere presenti.

Per garantire il necessario distanziamento i posti studio disponibili in BIM saranno in tutto 60 posti (18 nella sala Scarabelli al piano terra, 30 nella sala di lettura al primo piano, 12 nei tavolini individuali sempre al primo piano, di cui  4 riservati alla consultazione documenti e libri della biblioteca).

Al fine dell’effettivo controllo dell’occupazione delle postazioni dedicate  (ricordiamo che vanno evitati in ogni modo gli assembramenti di persone), l’accesso ai posti studio  avverrà previo ritiro di una "contromarca" all'ingresso, segnalando il proprio nominativo e restituendo la contromarca all'uscita.

Sono previsti due turni giornalieri: dal lunedì al sabato 8.30-13.00 e martedì e giovedì anche 14.15-19.00, con sanificazione dei tavoli, delle sedute e dei servizi igienici tutte le mattine prima dell'apertura dei servizi al pubblico e il martedì e giovedì, giorni di apertura anche al pomeriggio, anche durante la pausa pranzo (13.00-14.15), prima della riapertura pomeridiana.

Sarà possibile studiare solo con libri propri e, presso alcune postazioni individuali dedicate al primo piano, consultare materiali della biblioteca. Non sarà possibile per il momento utilizzare le postazioni e le attrezzature informatiche, lo Spaziocinema, lo  Spaziomusica, l’Emeroteca (e quindi la lettura dei quotidiani) e i distributori automatici di snack e bibite.

La Biblioteca sta poi valutando, insieme ad altre biblioteche della Città metropolitana, la possibilità di riattivare a breve anche il servizio di prestito intersistemico (PIC), che avviene tramite corriere o altri mezzi di trasporto, un servizio che consente di richiedere gratuitamente da una biblioteca dell’area metropolitana il prestito dei libri posseduti da altre.

 

Rimangono attivi inoltre la consultazione del catalogo on line all’indirizzo https://sol.unibo.it., l’accesso alla risorse digitali Emilib, l’assistenza telefonica per la fruizione delle risorse digitali, per ricerche e informazioni bibliografiche, la possibilità di prenotare il prestito telefonicamente o alla mail prestiti.bim@comune.imola.bo.it o prestiti.casapiani@comune.imola.bo.it, la consultazione dei libri rari o d’archivio presso la sala archivi e rari (prenotazione obbligatoria alla mail – prenotazioniarchivirari.bim@comune.imola.bo.it).

 

Maggiori informazioni

comunicato stampa integrale

 

ultima modifica 02/07/2020 17:42 — pubblicato 27/06/2020 16:05