Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Notizie / Biblioteche: dal 15 dicembre si ricomincia con lo studio in sede

Biblioteche: dal 15 dicembre si ricomincia con lo studio in sede

Ulteriori disposizioni per l’organizzazione dei servizi bibliotecari e archivistici dal 15 dicembre 2020

Riattivato dallo scorso 9 dicembre il servizio di prestito su prenotazione, dal prossimo 15 dicembre le biblioteche comunali e l’archivio storico ampliano nuovamente l’offerta dei servizi al pubblico, che saranno disponibili, come dispone l’ultimo DPCM del 3 dicembre 2020, solo su prenotazione.

Sale studio

Sarà possibile accedere nuovamente alle sale studio, organizzate con un contingentamento e riduzione dei posti e un congruo distanziamento tra gli stessi.
Alla Bim di via Emilia 80 sono previsti complessivamente 44 posti, su due turni giornalieri (9.00-13.00 e 14.30-18.00), con sanificazione dei tavoli, delle sedute e dei servizi igienici durante la pausa pranzo.

I posti a sedere potranno essere prenotati direttamente al bancone del piano terra, fino ad esaurimento degli spazi disponibili.
I lettori dovranno usare obbligatoriamente la mascherina per tutto il tempo di permanenza nelle sale.

Sala archivi e rari

Riprende anche, su appuntamento e a orario ridotto dal martedì al venerdì, la consultazione delle collezioni storiche e imolesi e dei fondi archivistici e documentari presso la sala archivi e rari.

Saranno ammesse non più di due persone per volta che dovranno anche in questo caso prenotare la documentazione e i libri da consultare contattando anticipatamente il servizio.


 

Giacomo Gambi, assessore alla Cultura:
La decisione di rendere possibile nuovamente l’accesso alle sale studio, naturalmente con le limitazioni imposte dalle norme di legge, nasce per andare incontro all’esigenza, in particolare, degli studenti universitari, che così ritrovano un luogo dove possono concentrarsi e studiare in vista degli esami".
Voglio ringraziare per questo ulteriore ampliamento dei servizi al pubblico tutto il personale della biblioteca comunale, che in questi mesi sta impegnandosi al massimo per riuscire a garantire la più ampia offerta possibile di servizio, destreggiandosi fra i vari DPCM e le tante prescrizioni, raccomandazioni, linee guida che rendono il quadro in cui lavorano molto complicato” conclude l’assessore Gambi.

Per approfondire

Bim - Biblioteca comunale imola

Pubblicato da

ultima modifica 11/12/2020 15:25 — pubblicato 11/12/2020 15:25