Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Notizie / Aspettando Senza distinzione alcuna 2021

Aspettando Senza distinzione alcuna 2021

Giornata mondiale dei diritti umani: on line un archivio di proposte tematiche per le scuole

Nel mese di dicembre dello scorso anno, in occasione del 10 dicembre, Giornata mondiale dei Diritti umani, l’amministrazione comunale ha organizzato la prima edizione della rassegna dal titolo Senza distinzione alcuna. Percorsi di uguaglianza ed equità dedicata ai temi trattati dalla Dichiarazione ONU dei Diritti dell’Uomo ripresi più recentemente dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

La seconda edizione è slittata al 2021 a causa della pandemia da Covid-19 e le conseguenti restrizioni che coinvolgono le attività pubbliche.

In questi mesi di emergenza sanitaria gli effetti delle disuguaglianze sociali, accumulate per lungo tempo, si sono esacerbati.
E, se i giovani saranno coloro che probabilmente li subiranno maggiormente, l’importanza di un’educazione ai diritti umani diviene imprescindibile, in quanto educazione all’opinione e all’assunzione di responsabilità, a prescindere da ogni distinzione.

Aspettando Senza distinzione alcuna 2021

la sezione web dedicata

Il servizio Politiche sociali  e il CEAS Imolese hanno voluto creare un ponte tra le due edizioni della rassegna sviluppando un archivio di proposte tematiche per le scuole, utilizzabili dalla primaria alla secondaria di primo e secondo grado.

Su ceas.nuovocircondarioimolese.it è disponinibile la sezione Diritti umani - Aspettando Senza distinzione alcuna 2021.

Contiene link a cortometraggi, documentari, video e videoclip musicali oltre a una bibliografia e a una sezione dedicata alla collaborazione con l’Organizzazione per i Diritti umani e la Tolleranza che ha fornito ulteriori materiali didattici e dispense per i docenti.

Inoltre la Bim - Biblioteca comunale proporrà un percorso di lettura e visione a tema, strutturato in tre sezioni: saggi di approfondimento, romanzi, film.


Daniela Spadoni, l’assessore al Welfare:
“Alla luce dell'emanazione della Dichiarazione universale dei diritti umani venne istituita la Giornata mondiale dei Diritti umani al grido delle parole "libertà" e "dignità". Si era nell'immediato dopoguerra, ma ora come allora queste due parole devono riecheggiare nella nostra vita. Ad esse dobbiamo improntare la nostra azione educativa come scuola, come famiglie e come politica, nei confronti  delle nuove generazioni. Sono loro che stanno sopportando i pesi maggiori di questa pandemia ed è a loro che ci vogliamo rivolgere perché questo tempo di distanziamento fisico non sia tempo perso, ma tempo investito per apprendere, per studiare, per formarci e per dire : - Mi interessano i diritti umani -, sull'onda del più famoso - I care -“.

ultima modifica 14/12/2020 11:47 — pubblicato 10/12/2020 18:05