Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Aree tematiche / Speciale informativo coronavirus / Notizie / Regolarizzazione persone straniere
Speciale informativo coronavirus

testata-coronavirus-bassa.png

Regolarizzazione persone straniere

Decreto Rilancio

Il nuovo “Decreto Rilancio” prevede, tra le numerose misure, anche nuove disposizioni per la regolarizzazione di cittadini stranieri.

Le categorie di persone interessate:

  • lavoratori italiani in nero (senza contratto di lavoro)
  • lavoratori stranieri cittadini UE e Extra-UE in nero (senza contratto di lavoro)
  • stranieri irregolari.

Viene impropriamente definita “doppia sanatoria” perché permette una doppia regolarizzazione/emersione:

  • lavorativa: di cittadini italiani e stranieri (cittadini UE ed extra-UE) regolarmente soggiornanti;
  • della posizione sul territorio italiano: lavoratori stranieri irregolari, potranno ottenere oltre che un formale contratto di lavoro anche un permesso di soggiorno. Questa possibilità è riservata agli stranieri che si trovavano sul territorio italiano prima dell’8 marzo 2020.

L’ elemento comune alle due categorie è il settore lavorativo; è possibile accedere all’emersione o all’assunzione di cittadini stranieri irregolari solo nei seguenti settori:

  • agricoltura, allevamento, zootecnia, pesca ed acquacoltura e attività connesse
  • assistenza alla persona affetta da patologie o handicap
  • lavoro domestico

Il decreto prevede inoltre la possibilità, per gli stranieri il cui permesso di soggiorno sia scaduto dopo il 31 ottobre 2019, non rinnovato o convertito in altro titolo, di un permesso di soggiorno temporaneo della durata di sei mesi dalla presentazione dell’istanza e valido solo sul territorio nazionale, finalizzato alla ricerca di un’occupazione.
Se, nel termine della durata del permesso di soggiorno temporaneo, il cittadino straniero esibisce un contratto di lavoro subordinato o la documentazione retributiva e previdenziale comprovante lo svolgimento dell’attività lavorativa nei settori indicati dalla norma, il permesso viene convertito in permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

Potranno accedere a questa procedura le persone straniere extra-UE che soddisfino i seguenti requisiti:

  • precedente permesso di soggiorno scaduto dopo il 31.10.2019
  • aver svolto attività lavorativa prima del 31 ottobre 2019 in uno dei settori ricompresi dal Decreto

Informazioni

Sportello immigrati ASP Circondario Imolese
Viale d’Agostino 2/a Imola c/o Sportello Sociale
tel. 0542 606704 martedì ore 9.30-12.30 e giovedì ore 14.30-17.30
sportello.immigrati@aspcircondarioimolese.bo.it

Pubblicato da

ultima modifica 29/05/2020 13:48 — pubblicato 27/05/2020 09:30