Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Aree tematiche / Speciale informativo coronavirus / Notizie / Regione Emilia-Romagna: tampone obbligatorio per chi rientra da Spagna, Grecia, Croazia e Malta
Speciale informativo coronavirus

testata-coronavirus-bassa.png

Regione Emilia-Romagna: tampone obbligatorio per chi rientra da Spagna, Grecia, Croazia e Malta

Disponibile la piattaforma regionale con cui comunicare il rientro
regione Emilia-Romagna

Comunicare immediatamente il proprio ingresso al Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda Usl competente per territorio, oppure utilizzare l’apposita piattaforma regionale.

È quanto deve fare chi rientra in Italia dopo aver soggiornato, o transitato, negli ultimi 14 giorni in Croazia, Grecia, Malta o Spagna.

La piattaforma regionale è disponibile all’indirizzo

http://salute.regione.emilia-romagna.it/rientro-estero

Occorre specificare i motivi del rientro e il Paese dal quale si rientra.
Dopodiché si verrà contattati dal personale del Dipartimento che comunicherà data e luogo di effettuazione del tampone.

L’aeroporto “Marconi” di Bologna

Si sta lavorando per poter effettuare quanto prima tamponi al “Marconi”, all’arrivo dei voli. Oggi c’è stato un incontro tra Direzione generale Welfare, Salute e Cura della persona della Regione, Azienda Usl di Bologna e responsabile Usmaf (Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera) dell’aeroporto. Si ritiene che nel giro di alcuni giorni sarà possibile avviare quest’attività, tenendo conto di tutte le necessità di sicurezza dello scalo in quanto tale.

Perché il tampone

L’obbligo di comunicazione per chi rientra da uno dei quattro Paesi è stabilito dall’Ordinanza del ministero della Salute ed è motivato dalla necessità di limitare la diffusione del virus Sars-CoV-2.
Per questo motivo, si richiede di sottoporsi a test molecolare o antigenico, tramite tampone, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale - presentando l’attestazione di avvenuta effettuazione con relativo esito -, oppure al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine.
Oppure, ancora, entro 48 dall’ingresso nel territorio nazionale presso il Dipartimento di Sanità pubblica della propria provincia/città metropolitana di residenza o domicilio.

L’esito sarà comunicato, entro 24 ore dall’effettuazione, dal Dipartimento di Sanità Pubblica e disponibile nel proprio Fse (fascicolo sanitario elettronico). In caso di test positivo scatterà la quarantena; in caso di test negativo non sarà prevista.

Informazioni

Approfondimenti

Regione Emilia-Romagna: comunicato completo

Ministero della salute: comunicato e ordinanza del 12 agosto 2020

Pubblicato da

Contenuti correlati

ultima modifica 18/08/2020 17:55 — pubblicato 14/08/2020 14:35