Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Aree tematiche / Relazioni e progetti europei / Taccuino / Unione europea: il Comune si candida ad un progetto in cui l'arte pubblica partecipata valorizza i diritti fondamentali
Relazioni e progetti europei

Testata relazioni e progetti europei

Unione europea: il Comune si candida ad un progetto in cui l'arte pubblica partecipata valorizza i diritti fondamentali

assessore Gambi

Il Comune di Imola si candida a partecipare al progetto europeo “La partecipazione dei cittadini nel preservare e valorizzare i diritti fondamentali dell’UE attraverso l’arte pubblica partecipata - Citizens’ participation in preserving and valorising EU fundamental rights through participatory public art”.
La giunta comunale nei giorni scorsi ha deliberato di incaricare il proprio Servizio Sviluppo Economico e Progetti Europei di predisporre tutti gli atti al fine di concorrere al suddetto progetto.

La proposta di aderire al progetto, con Imola capofila, è stata avanzata dal SERN, la rete di collaborazione fra i Comuni di Italia e Svezia, di cui Imola fa parte da tempo. Il progetto, se finanziato, dura due anni, dal dicembre 2021 al dicembre 2023 e coinvolge 5 Paesi europei: oltre all’Italia, con Imola Comune capofila, ci sono partner provenienti da Croazia, Lettonia, Svezia e Portogallo.

Il programma, finanziato dell’Unione Europea, è il CERV (Citizens, Equality, Rights and Values), che ha l’obiettivo di rinforzare la comprensione reciproca e l’amicizia tra i cittadini europei incoraggiando la cooperazione tra Comuni e lo scambio di buone pratiche.

“Al momento la nostra, insieme al Sern, è solo una candidatura al progetto: non sappiamo se riusciremo ad avere i finanziamenti previsti dal programma Cerv, ma ci interessa presentarci proprio per l’interesse che riveste il progetto, che ha l’obiettivo primario di accrescere la partecipazione attiva dei cittadini e una maggiore conoscenza dei diritti fondamentali europei attraverso l’arte pubblica partecipata” spiega l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi.

Le attività previste

Le attività previste dal progetto consistono in un incontro iniziale, in conferenze per la condivisione di buone pratiche, visite di studio, attività di studio e produzione di esempi di arte pubblica partecipata, conferenza finale per la verifica dei risultati del progetto.

Il Comune di Imola sarà chiamato a coordinare il progetto: in particolare il Servizio Sviluppo Economico e Progetti Europei svolgerà in loco le attività formative e parteciperà agli incontri progettuali sia transnazionali che locali; inoltre dovrà organizzare a Imola l’evento finale di disseminazione dei risultati di progetto e delle attività legate allo studio e produzione di esempi di arte pubblica partecipata.

Nel caso il progetto con Imola capofila venga accolto e finanziato dal Programma Cerv, non vi saranno costi per il nostro Comune, in quanto il Programma stesso finanzierà le spese di partecipazione alle attività transnazionali dei funzionari del Comune di Imola e quelle dirette legate all’organizzazione dell’evento di disseminazione a Imola e di coordinamento del progetto.

Pubblicato da

ultima modifica 06/08/2021 12:11 — pubblicato 06/08/2021 12:10