Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Aree tematiche / Relazioni e progetti europei / Taccuino / Nasce il comitato per i gemellaggi, per ridare centralità e valore ai rapporti che Imola ha in Europa e nel mondo
Relazioni e progetti europei

Testata relazioni e progetti europei

Nasce il comitato per i gemellaggi, per ridare centralità e valore ai rapporti che Imola ha in Europa e nel mondo

Il Consiglio comunale ha approvato la sua istituzione ed il regolamento connesso

Il Consiglio comunale approva il Comitato per i Gemellaggi

Il Consiglio comunale ha approvato l’istituzione del Comitato per i Gemellaggi ed il regolamento per il suo funzionamento. Sono stati 15 i voti a favore (gruppi Partito Democratico; Imola Coraggiosa Progressista Ecologista; Imola Corre - Panieri Sindaco) e 9 quelli contrari (gruppi Lega per Salvini Premier; Fratelli d’Italia; Lista Civica Cappello Sindaca e Movimento 5 Stelle).

La scelta di istituire questo organo è stata presa dalla giunta comunale su proposta dell’assessore alle politiche comunitarie e gemellaggi, Elena Penazzi al fine di agevolare il buon funzionamento dei gemellaggi: Imola è legata da un Patto di Gemellaggio con i comuni di Gennevillliers (Francia), Colchester (Inghilterra), Weinheim (Germania), Pola (Crozia) e da un patto di Collaborazione con i comuni di Piła (Polonia) e di Ardakan (Iran).

“Il Comitato è un’opportunità, come hanno fatto già tanti altri Comuni, per gestire meglio i gemellaggi, che negli ultimi anni hanno avuto un rallentamento, in termini di occasioni, di condivisione, di cultura, arte, sport. Da parte della stessa regione Emilia-Romagna c'è un input chiaro nel ritornare a occuparsi di gemellaggi, nell’aprirsi alle opportunità europee e non solo. Pertanto, a parere di questa Amministrazione comunale, il Comitato per i Gemellaggi può davvero essere una grande opportunità anche per Imola” commenta Elena Penazzi, assessore alle Politiche comunitarie e gemellaggi.

Grandi vetrine come il Campionato del Mondo di Ciclismo e i Gran Premi di F.1, così come le opportunità culturali, artistiche, enogastronomiche, sportive devono servire per riaprire le porte della città al dialogo ed alle relazioni internazionali su tutti i campi, compreso quello economico, grazie ad un tessuto cooperativo e privato molto forte e strutturato. Il Comitato è quindi uno strumento che deve servire a dare gambe ad un progetto di dialogo che negli ultimi anni è vissuto più di episodi sporadici, che di una programmazione ed un coordinamento certo.

Va inoltre sottolineato che con molte città si possono costruire progetti su temi comuni per concorrere ai bandi europei: un’opportunità di fare rete che può portare vantaggi per tutti.

Che obiettivo avrà e come sarà composto il Comitato per i gemellaggi

L’obiettivo del Comitato per Gemellaggio è quello di ridare centralità e valore ai rapporti che la nostra città ha in Europa e nel mondo e per tornare a dialogare e costruire rapporti di collaborazione occorre aumentare le relazioni, tanto più dopo un periodo come quello della pandemia che ho costretto a ridurre in modo drastico molte forme di relazione, a livello mondiale.

Sarà composto da un delegato del Sindaco (Assessore, Consigliere Comunale, dipendente comunale o un cittadino, purché designato come portavoce dell’Amministrazione); da un rappresentante della maggioranza e uno della minoranza del Consiglio Comunale e 8 cittadini (autocandidati, in possesso di specifiche competenze nei vari ambiti lavorativi,  che saranno nominati dalla Giunta Comunale su proposta dell’Assessore Competente, previo esperimento di avviso pubblico e conseguente selezione dei curricula vitae.

solo-gemelle.jpg

Le città gemellate con Imola

Pubblicato da

ultima modifica 19/05/2021 09:39 — pubblicato 14/05/2021 15:35