Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Aree tematiche / Relazioni e progetti europei / Taccuino / Comitato per i gemellaggi: la giunta ha nominato gli 8 rappresentanti autocandidati
Relazioni e progetti europei

Testata relazioni e progetti europei

Comitato per i gemellaggi: la giunta ha nominato gli 8 rappresentanti autocandidati

Per completare l’organismo, il Consiglio comunale dovrà indicare i propri rappresentanti
solo-gemelle.jpg

Nei giorni scorsi la giunta comunale ha nominato gli 8 componenti del Comitato per i Gemellaggi frutto delle autocandidature (sono 14 quelle arrivate al Comune): Marchetti Lorenzo, Vietto Ramus Sonya, Zotti Pasquale, Ricchi Arena, D’Ercole Rossella, Vignini Leonardo Luca, Gaddoni Margherita, Martelli Alessandro.

Sempre nei giorni scorsi, il sindaco Marco Panieri ha nominato Annalia Guglielmi quale proprio delegato, con funzione di portavoce dell’Amministrazione.

Il Regolamento per l’istituzione e il funzionamento del Comitato per i Gemellaggi, approvato dal Consiglio comunale nel maggio scorso, stabilisce che il Comitato sia composto da un Delegato del Sindaco per i gemellaggi (Assessore, Consigliere Comunale, dipendente comunale o un cittadino, purché designato come portavoce dell’Amministrazione), da un rappresentante della maggioranza e da un rappresentante della minoranza del Consiglio Comunale individuati trai i consiglieri comunali o tra soggetti esterni al Consiglio in possesso di specifiche competenze e da 8 rappresentanti autocandidati in possesso di specifiche competenze nei vari ambiti lavorativi, sociali, professionali utili alla gestione delle attività di gemellaggio, di nomina da parte della Giunta Comunale su proposta dell’assessore competente, previo esperimento di avviso pubblico e conseguente selezione dei curricula vitae.
La selezione da parte della giunta comunale è avvenuta su proposta dell’Assessore ai Gemellaggi, Elena Penazzi, dopo avere espletato le modalità di selezione sopra descritte.

A questo punto la composizione del Comitato si completerà con la nomina da parte del Consiglio Comunale di un rappresentante della maggioranza e di un rappresentante della minoranza individuati tra i Consiglieri Comunali o tra soggetti esterni al Consiglio in possesso di specifiche competenze.

Il Comitato rimane in carica fino alla fine del mandato del Sindaco. La partecipazione al Comitato per i Gemellaggi non prevede gettoni di presenza o indennità a nessun titolo.

Nelle prossime settimane gli 11 componenti verranno contattati dal Comune per il primo incontro del Comitato, che si svolgerà, possibilmente in presenza in municipio.

“La costituzione del Comitato per i Gemellaggi rappresenta una importante innovazione per la nostra Città. E’ infatti uno strumento di partecipazione civica che permetterà di lavorare meglio con le nostre quattro Città Gemellate, in sinergia con l’Amministrazione Comunale” commenta Elena Penazzi, assessore alle Politiche comunitarie e Gemellaggi.

Compiti del Comitato per i Gemellaggi

Il Comitato ha il compito di programmare, organizzare e coordinare le varie iniziative atte a rendere sempre più funzionali le attività di gemellaggio promosse dal Comune di Imola con Enti territoriali di altri Paesi europei, sulla base delle relative delibere degli organi comunali, nonché il compito di favorire la sensibilizzazione della cittadinanza alle motivazioni del gemellaggio ed una larga e consapevole partecipazione alle varie iniziative, con particolare riguardo alla mobilitazione delle varie associazioni, organismi e gruppi sociali che operano in ambito culturale, sociale, sportivo, economico.

Pubblicato da

ultima modifica 05/10/2021 11:53 — pubblicato 05/10/2021 11:53