Ca' Vaina - Centro Giovanile

Culture e diritti educazione alla cittadinanza attiva, alla pace, diritti umani, intercultura, Comunicazione, Linguaggi musicali, Arte e linguaggi multimediali, Informatica e tecnologie, Promozione della lettura
Ca' Vaina - Centro Giovanile
Ca' Vaina
Attività

Didattica Audiovisivi

  • Culture e diritti (educazione alla cittadinanza attiva, alla pace, diritti umani, intercultura)
  • Comunicazione
  • Linguaggi musicali
  • Arte e linguaggi multimediali
  • Informatica e tecnologie
  • Promozione della lettura
Rivolto a
  • Scuole Primarie
  • Scuole Secondarie di 1° grado

Il Centro, promosso dal Comune di Imola nell'ambito dei Progetto Giovani, dal 2012 ha assorbito le deleghe del Centro "La Palazzina" nel settore della comunicazione e degli audiovisivi. Ca’ Vaina conserva anche una forte caratterizzazione musicale, ospitando due Sale Prova, uno Studio di Registrazione e Sala di Montaggio Video digitale, uno spazio per concerti e rassegne. In ambito didattico uno dei maggiori settori di attività del Centro è quello che si occupa della promozione di progetti in ambito comunicativo e multimediale. L’audiovisivo e più in generale il settore della comunicazione "cross mediale" offre un’importante opportunità espressiva alle ragazze ed ai ragazzi. Le attività formative proposte alle Scuole sono impostate per fornire gli strumenti di base per la conoscenza del linguaggio, condurre attraverso un percorso di "lettura" dei media anche di nuova generazione, stimolare ad un utilizzo dell’audiovisivo e più in generale dei "nuovi media" come strumento comunicativo.

Proiezioni: il Centro dispone di sale attrezzate per la videoproiezione, sia su monitor, che su grande schermo, e può accogliere gruppi fino a circa 70 persone. In alternativa è possibile organizzare proiezioni di film e documentari direttamente a scuola.

Centro di produzione video: attrezzature di ripresa e di montaggio digitali che le scuole possono utilizzare a tariffe agevolate per produrre i propri video.

Laboratori audiovisivi: attività indirizzate alle singole classi (costo da concordare) finalizzate all’alfabetizzazione audiovisiva.
I progetti possono essere di diverse tipologie:
- pratici, finalizzati alla produzione di un video;
- di approfondimento di una tematica o di un genere cinematografico o televisivo;
- cineforum di visione ed analisi di film e documentari;
- percorsi di alfabetizzazione ai codici propri del linguaggio.

Alcuni progetti

Dalla stampa al web. Un percorso per capire le evoluzioni e le caratteristiche del linguaggio giornalistico. Partendo dalla brevissima storia della comunicazione attraverso stampa e radio, si illustrano, tralasciando elementi come l’impaginazione (già presente nei testi scolastici) e il palinsesto, i ruoli e le modalità di comunicazione giornalistica. In parallelo un discorso sull’audiovisivo(il reportage, il documentario, il telegiornale), per poi approdare attraverso esso, alle nuove forme di comunicazione (blog, social media, giornali on line). 3 incontri di 2h

On the Air. Laboratorio dedicato alla Radio. La radio è il più antico dei “nuovi” mezzi di comunicazione ed è tutt’ora uno dei media più amati dal pubblico. Tramite ascolti guidati ed esercitazioni pratiche, il laboratorio si propone di sviluppare nei partecipanti attenzione e curiosità verso questo popolare mezzo di informazione ed intrattenimento analizzando stili, format e palinsesti, per approdare alla realizzazione di una vera e propria trasmissione radiofonica interamente condotta dai ragazzi. Tale prodotto sarà veicolato anche tramite la web radio del Centro giovanile Ca’ Vaina oltre che eventualmente dal sito dell’Istituto scolastico. 3 incontri di 2h.

Dalla pellicola al web. Un percorso per comprendere l’evoluzione della comunicazione audiovisiva. Dalle origini (la pellicola), al sonoro, passando per le innovazioni del supporto magnetico (a cassette) arrivando poi al digitale, per approdare oggi al superamento del supporto fisico dei dati. Un cammino che non è solo tecnico, ma porta con se gli elementi linguistici del raccontare attraverso immagini in movimento: la storia del cinema e dei suoi stili, generi e caratteristiche espressive, la televisione e il linguaggio pubblicitario, fino al giorno d’oggi, con la completa disintegrazione del concetto di linearità narrativa, a favore di storie e prodotti che, attraverso il web, risultano stravolti e che mettono insieme vari linguaggi che non sono solo quelli video, ma anche dei videogames, dei social media, e della rete in genere. 3 incontri di 2h.

Motore, azione! Laboratorio per la realizzazione di un prodotto audiovisivo. Il laboratorio è strutturato in maniera da fornire gli strumenti necessari per affrontare con un approccio critico, i prodotti audiovisivi; si parte da un’introduzione teorica sul linguaggio audiovisivo, basata soprattutto sulla visione di cortometraggi, spezzoni di documentari, videoclip e pubblicità. Alla prima parte di decodifica, si aggiunge una fase pratica in cui i ragazzi scriveranno in prima persona una storia da realizzare attraverso l’uso della videocamera. Gli alunni saranno gli sceneggiatori, i produttori, i registi ma anche la troupe tecnica del film, diventando i protagonisti di tutte le fasi di realizzazione del film (pre-produzione, produzione, post-produzione) acquisendo le competenze tecniche per comprendere come si realizza un audiovisivo. 8 incontri di 2h (di cui 4 a carico degli operatori e 4 a carico degli insegnanti).

Trans-media. Un corso dedicato esclusivamente ai nuovi media legati alla rete, per spiegare come sono cambiate televisione e radio e di conseguenza la produzione audiovisiva. Usare correttamente i social media, i blog, le applicazioni e capirne i linguaggi comunicativi, le potenzialità e le insidie. Partendo dall’immagine in movimento (audiovisiva) studiare come la rete sta cambiando il linguaggio comunicativo e come sia possibile farne un uso intelligente. Obiettivo generale del progetto è quello di accompagnare i ragazzi in un percorso di lettura critica dei codici e dei meccanismi del linguaggio audiovisivo, non limitati all’ambito puramente filmico ma estendibili anche alla piattaforma per eccellenza in cui ragazzi lo collocano: Internet. 3 incontri di 2h.

Documentario a scuola. Utilizzare il documentario come strumento didattico. Il percorso si propone di diffondere e promuovere il documentario come supporto e strumento della didattica nella presentazione di tematiche di particolare rilevanza formativa e culturale. A questo scopo è stato realizzato un catalogo in cui viene presentata una ricca selezione di opere che sono state raggruppate in due macro - categorie: percorsi didattici e aree tematiche. L’iniziativa prevede la selezione di uno o più documentari presenti nel catalogo, su argomenti di interesse per gli insegnanti, da proiettare alla classe/i alla presenza dell'autore-regista, che risponderà alle domande degli studenti e approfondirà i contenuti e gli aspetti tecnico artistici del lavoro. Obiettivo specifico del progetto è quello di coinvolgere i ragazzi in un percorso di elaborazione critica nei confronti della realtà che ci circonda che viene rappresentata da mezzi audiovisivi, che li porti a sviluppare una propria capacità di lettura, analisi e rielaborazione dei contenuti documentaristici. 1 incontro da 3h.

Riferimenti

Indirizzo Viale Saffi, 50/b - Imola

Sito Internet http://www.cavaina.it/

Recapiti

Referente

Sonne Film di Giangiacomo De Stefano e Lara Rongoni
tel 338 423 02 39 - email destefano@sonnefilm.com rongoni@sonnefilm.com

legale rappresentante Roberta Tattini, presidente coop. soc. Seacoop

Telefono

0542 43610

ultima modifica 21/11/2018 17:36 — pubblicato 10/10/2018 17:15