Bilancio partecipativo: via alla prima fase!

FINO AL 22 APRILE è aperta la fase di raccolta di bisogni e necessità dei cittadini: tutti possono esprimere le criticità, i problemi, le aspirazioni che ritengono rilevanti per la comunità. Sia ON LINE che su carta

Parte la rilevazione dei bisogni: la fase 1 del bilancio partecipativo 

E' iniziata ufficialmente la prima fase di sperimentazione del Bilancio Partecipativo, strumento con cui esigenze ed aspirazioni della comunità possono essere espresse, approfondite e condivise tra Cittadini e Amministrazione, attraverso assemblee, gruppi di lavoro e consultazioni on line.

Questa prima fase è caratterizzata dalla raccolta di criticità, problemi e  aspirazioni ritenute rilevanti per la comunità

Puoi partecipare sia on line che su carta

Tutte le persone imolesi (per residenza o per motivi di lavoro o studio) che abbiano almeno 16 anni, possono indicare un bisogno  ritenuto condivisibile, attraverso più canali.

on line

un sondaggio sulla piattaforma Survio.it, attraverso la pagina dedicata puoi compilare una semplice scheda

www.comune.imola.bo.it/bilanciopartecipativo

 

su carta

Dal 25 febbraio sono disponibili anche le schede in formato cartaceo e i relativi raccoglitori presso i Servizi al Cittadino, la Sede municipale, gli istituti culturali, i Centri sociali di Imola e delle frazioni


Il percorso partecipativo

La consapevolezza delle necessità del territorio insieme alla condivisione delle scelte da attuare per raggiungere obiettivi comuni possono contribuire a rafforzare il senso di appartenenza della comunità e migliorare il rapporto di fiducia tra Amministrazione e Cittadini, favorendo una cultura politica che integri democrazia rappresentativa e partecipativa.

Il Bilancio Partecipativo accompagnerà la redazione del bilancio comunale di previsione 2021.

Da dove è iniziato

Questo percorso, promosso dal comune di Imola col beneficio del contributo regionale LR.15/2018 (Bando 2018), ha portato all’elaborazione di linee guida condivise per lo sviluppo della sperimentazione, attraverso workshop e incontri con la comunità e i suoi rappresentanti. Il documento di proposta partecipata, frutto di questo significativo lavoro, è stato validato dalla Regione Emilia Romagna ed approvato dalla Giunta comunale nel settembre 2019.

La prima fase

Questa prima fase rimarrà aperta fino al 22 aprile 2020 (Giornata mondiale della Terra) e permetterà la composizione dei risultati nella mappa dei bisogni: lo strumento da consegnare alla nuova Giunta comunale come base di partenza per la seconda fase del Bilancio Partecipativo (consultazione e riscontro).

Da dove siamo partiti?

Sfoglia i materiali del Bilancio Partecipativo

Contenuti correlati

ultima modifica 11/03/2020 12:07 — pubblicato 25/02/2020 12:20
archiviato sotto: