Speciale informativo coronavirus

testata-coronavirus-bassa.png

Esenzione del pagamento sosta negli stalli con strisce blu

Ordinanza in vigore fino al 25 marzo - Nessun limite temporale per i posti auto a disco orario

PROROGATA AL 3 APRILE 2020

La nuova Ordinanza del 25 marzo


 

Esenzione pagamenti e disco orario 

E’ stata adottata oggi ed entrerà in vigore domani 19 marzo, fino al 25 marzo compreso, l’ordinanza, firmata dal Commissario straordinario al Comune, dott. Nicola Izzo, che dispone su tutto il territorio del Comune di Imola l’esenzione del pagamento per la sosta negli stalli destinati alla sosta a pagamento e la sosta senza limitazione temporale per quanto riguarda i posti auto a disco orario (compresi gli stalli destinati al carico e scarico delle merci).

Nessun aggiornamento della segnaletica

Vista la situazione emergenziale in atto e la natura non coercitiva del provvedimento, lo stesso non sarà reso noto mediante aggiornamento della segnaletica verticale.

Situazione di necessità

Le limitazioni agli spostamenti, determinate dai decreti emanati dal Governo A determinare l’adozione del presente provvedimento ci sono diverse condizioni di necessità e di urgenza. A cominciare dai DPCM emanati dal governo per contenere e gestire l’emergenza da Coronavirus, che introducono la limitazione degli spostamenti delle persone fisiche e la conseguente limitazione dello spostamento dei veicoli, oltre che stabilire che tutti gli spostamenti individuali devono essere limitati a motivi indifferibili ed urgenti.

Ne consegue che, come riporta l’ordinanza, “la maggior parte della popolazione è costretta a permanere presso il proprio domicilio non allontanandosene quotidianamente con i propri veicoli, vedendosi costretta a mantenerli in sosta anche in aree in cui questa è di norma soggetta a pagamento (cioè le cosiddette strisce blu)”.

Inoltre, va preso atto che il DPCM 11 marzo 2020  #iorestoacasa consente l’apertura di farmacie e supermercati, oltre ad altri esercizi per l’approvvigionamento di beni di prima necessità, mantenendo sempre la distanza di almeno un metro tra una persona e l’altra ed evitando  in ogni caso gli assembramenti. Con la conseguenza che “al fine di  garantire il rispetto di tali indicazioni il tempo medio di permanenza negli esercizi commerciali può superare il tempo stabilito dalle aree di sosta regolamentate a disco orario” spiega l’ordinanza.

 

Pubblicato da

Contenuti correlati

ultima modifica 26/03/2020 09:02 — pubblicato 18/03/2020 20:45
archiviato sotto: