Aree tematiche

collage di volti

Pechino 1995 : IV conferenza mondiale sulle donne

Dalla IV Conferenza mondiale sulle donne di Pechino (4-15 settembre 1995), il programma di azione per le azioni per la uguaglianza, lo sviluppo e la pace

Donne e povertà

Rivedere, adottare e applicare politiche macroeconomiche e strategie di sviluppo rivolte specificatamente alle necessità e agli sforzi delle donne povere
Riesaminare leggi e pratiche amministrative per assicurare alle donne uguali diritti di accesso alle risorse economiche
Aprire alle donne l'accesso al risparmio e ai meccanismi e agli istituti di credito
Sviluppare le metodologie differenziate per sesso e condurre ricerche sulla femminilizzazione della povertà

Istruzione e formazione professionale

Garantire uguale accesso all'istruzione
Eliminare l'analfabetismo tra le donne
Migliorare l'accesso delle donne alla formazione professionale, all'insegnamento scientifico e tecnico e alla educazione permanente
Mettere a punto sistemi d'istruzione e di formazione non discriminata
Stanziare risorse sufficienti per le riforme del sistema educativo e la verifica della loro applicazione
Promuovere l'educazione e la formazione permanente per donne e ragazze

Donne e salute

Incrementare l'accesso delle donne, durante l'intero ciclo della loro vita, ad appropriati, economici e qualificati servizi sanitari e centri d'informazione
Rafforzare i programmi di prevenzione che migliorano la salute delle donne
Intraprendere iniziative differenziate per sesso che affrontino il problema delle malattie trasmissibili per via sessuale, HIV/AIDS, e altri temi relativi alla salute sessuale e alla procreazione
Promuovere la ricerca e diffondere informazioni sulla salute delle donne

La violenza contro le donne

Adottare misure concertate per prevenire ed eliminare la violenza nei confronti delle donne
Studiare cause e conseguenze della violenza contro le donne e l'efficacia delle misure di prevenzione
Eliminare la tratta delle donne ed assistere le vittime delle violenze legate alla prostituzione e alla tratta

Donne e conflitti armati

Incrementare la partecipazione delle donne alla soluzione dei conflitti e ai livelli decisionali e proteggere le donne che vivono in situazioni di conflitto e altro o sotto l'occupazione straniera
Ridurre le spese militari eccessive e controllare la disponibilità degli armamenti
Promuovere forme non violente di soluzione dei conflitti e ridurre le violazioni dei diritti fondamentali nelle situazioni di conflitto
Promuovere il contributo delle donne allo sviluppo di una cultura di pace
Fornire assistenza alle donne che vivono in colonie e in territori non autonomi

Donne ed economia

Promuovere i diritti e l'indipendenza economica delle donne, in particolare l'accesso all'occupazione e ad adeguate condizioni di lavoro e l'accesso alle risorse economiche
Facilitare l'accesso paritario alle donne alle risorse, all'occupazione, ai mercati, al commercio
Fornire servizi professionali, formazione e accesso a mercati, informazioni e tecnologie in particolare alle donne con basso reddito
Rafforzare le capacità economiche e le reti commerciali delle donne
Eliminare la segregazione professionale e tutte le forme di discriminazione nel lavoro
Permettere agli uomini e alle donne di conciliare responsabilità familiari e responsabilità professionali

Donne, potere e processi decisionali

Adottare misure per assicurare alle donne pieno e paritario accesso e partecipazione alle strutture di potere e ai processi decisionali
Incrementare la capacità delle donne di partecipare ai processi decisionali e di assumere ruoli dirigenti

Meccanismi istituzionali per favorire il progresso delle donne

Creare o rafforzare i meccanismi nazionali e gli altri organismi governativi
Integrare il tema della parità tra i sessi in leggi, politiche pubbliche, programmi e progetti
Produrre e diffondere dati e informazioni disaggregati per sesso ai fini di pianificazione e valutazione

Diritti fondamentali delle donne

Promuovere e proteggere i diritti fondamentali delle donne attraverso la piena applicazione di tutti gli strumenti sui diritti umani, specialmente la convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle donne
Garantire l'uguaglianza e la non discriminazione nel diritto e nei fatti
Diffondere nozioni basilari di diritto

Donne e media

Accrescere la partecipazione delle donne e permettere loro di esprimersi e di accedere ai processi decisionali nei media e nelle nuove tecniche di comunicazione
Promuovere un'immagine equilibrata e non stereotipata delle donne nei media

Donne e ambiente

Coinvolgere attivamente le donne nei processi decisionali relativi all'ambiente, a tutti i livelli
Integrare le necessità, le preoccupazioni e le opinioni delle donne nelle politiche e nei programmi per lo sviluppo durevole
Rafforzare o creare meccanismi a livello nazionale, regionale e internazionale, per valutare l'impatto delle politiche di sviluppo e delle politiche ambientali sulle donne

Le bambine

Eliminare tutte le forme di discriminazione nei confronti delle bambine
Eliminare gli atteggiamenti e le pratiche culturali negative nei confronti delle bambine
Promuovere e proteggere i diritti della bambina e far meglio conoscere i suoi bisogni e il suo potenziale
Eliminare la discriminazione nei confronti delle bambine nell'istruzione, acquisizione delle capacità e formazione
Eliminare la discriminazione nei confronti delle bambine nei settori della salute e della nutrizione
Eliminare lo sfruttamento economico del lavoro dei bambini e proteggere le bambine che lavorano
Eliminare la violenza nei confronti delle bambine
Stabilizzare le bambine e favorire la loro partecipazione alla vita sociale, economica e politica
Rafforzare il ruolo della famiglia nel migliorare la condizione delle bambine

Fonte: "Guardando il mondo con gli occhi di donna"
Anna Maria Donnaruma
Bologna, EMI, 1998

ultima modifica 18/11/2015 15:06 — pubblicato 18/11/2015 15:06