Aree tematiche

25 novembre: contro la violenza sulle donne

Giornata internazionale contro il femminicidio e per l'eliminazione della violenza maschile sulle donne - il calendario delle iniziative

25 novembre
Il 25 novembre 1960 le sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana, vennero violentate e uccise da uomini dell’esercito durante la dittatura di Rafael Trujillo.

Nel 1999 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha stabilito che proprio il 25 novembre sia la Giornata internazionale contro il femminicidio e la violenza maschile sulle donne.

“Qualsiasi atto di violenza fondata sul genere che comporti, o abbia probabilità di comportare, sofferenze o danni fisici, sessuali o mentali per le donne, incluse le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, sia che si verifichi nella sfera pubblica che in quella privata”, così le Nazioni Unite definiscono la violenza contro le donne

Il calendario delle iniziative

Dal 14 novembre al 13 dicembre 2018

Mercoledì 14 novembre, ore 15-18 - Sala conferenze Nuovo circondario imolese (via Boccaccio 27 - 3° piano)
L’ACCOGLIENZA DI DONNE MIGRANTI. UN APPROCCIO INTERCULTURALE PER AFFRONTARE VIOLENZA E DISCRIMINAZIONI DI GENERE
nell’ambito di La Politica in forma/azione a cura della Città Metropolitana di Bologna un incontro rivolto ad amministratori/trici, operatori/trici dei servizi del territorio metropolitano che si occupano di pari
opportunità, politiche sociali e sanitarie, cultura, istruzione. Come leggere in un’ottica intersezionale le violenze e le discriminazioni di genere e come promuovere percorsi di autonomia volti all’inclusione di donne sopravvissute a violenza e a pratiche degradanti (matrimoni forzati, MGF)

Giovedì 15 novembre, ore 16.45 - Centro culturale e ricreativo AUSER-PRIMOLA (via Lippi 2c)
CENTO PASSI DI DONNE
con il libro di Lisa Laffi (Bacchilega editore, 2017) seguiamo il passo di Caterina Sforza e riscopriamo le donne che hanno lasciato traccia di sé nelle nostre terre.
A cura del Circolo Fiorella Baroncini

Venerdì 16 novembre, ore 20 - Centro interculturale delle donne di Trama di terre (via Aldrovandi 31)
LATTE RIBELLE, LATTE CHE RIBOLLE
cena interculturale a base di pietanze da tutto il mondo preparate con diversi tipi di latte
€ 25 prenotazione obbligatoria entro il 14/11 al 334 7311570 o cucinaabitata@tramaditerre.org
tutto il ricavato andrà a sostegno dei progetti dell’Associazione

Giovedì 22 novembre, ore 16.45 - Centro culturale e ricreativo AUSER-PRIMOLA (via Lippi 2c - sala informatica)
POMODORI VERDI FRITTI (ALLA FERMATA DEL TRENO)
proiezione del film di Jon Avnet (USA, 1991 - 130’). La profonda amicizia di due donne del Sud in un’epoca
di discriminazioni. A cura di Associazione Primola

Venerdì 23 novembre, ore 18 - Centro interculturale delle donne di Trama di terre (via Aldrovandi 31)
SOPRAVVISSUTE ALL’ISIS, NEL CUORE DI CHI RESISTE
racconto del lavoro di Tiziana Dal Pra in un campo profughi nel Kurdistan iracheno dove sono accolte le donne yazide scampate all’Isis.
Con Tiziana Dal Pra, fondatrice di Trama di Terre e Cristina Cattafesta, presidente CISDA (Comitato Italiano di Sostegno alle Donne Afghane detenute in Turchia nel giugno 2018)

Venerdì 23 novembre, ore 18 - Sala delle stagioni (via Emilia 25)
DAI VALORE AL MERITO
premiazione del concorso: il 5 per mille raccolto a tre tesi di laurea che hanno approfondito i temi delle politiche di genere e del contrasto alla violenza.
A cura di Associazione PerLeDonne

Mercoledì 28 novembre, ore 20.30 - Cinema Centrale  (via Emilia 212)
COSA DIRÀ LA GENTE
proiezione del film di Iram Haq (Norvegia, Germania, Svezia 2017 - 106’).
Cosa c’è dietro le storie delle ragazze accolte da Trama di Terre.
Incontro con le operatrici del Progetto di contrasto ai matrimoni forzati (attività del Progetto SPRAR)

Venerdì 30 novembre, ore 20 - Centro sociale La Tozzona (via Punta 24)
BARICENTROGIM PERLEDONNE
testimonianze ed azioni per SENTIRE il proprio corpo contro la violenza di genere.
A cura di Associazione PerLeDonne

Sabato 1 dicembre, ore 17 - Centro interculturale delle donne di Trama di terre (via Aldrovandi 31)
NON C’È FEDE CHE TENGA. MANIFESTO LAICO CONTRO IL MULTICULTURALISMO
presentazione del libro con l’autrice Cinzia Sciuto e il giornalista Daniele Barbieri
(Feltrinelli editore, 2018)

Martedì 4 dicembre, ore 18 - Cidra (via F.lli Bandiera 23)
STUPRI DI GUERRA, UNA VIOLENZA CONTINUA
“per mettere fine alle violenze sessuali nei conflitti armati e nelle guerre”
(motivazione del premio Nobel per la Pace 2018 assegnato a Denis Mukwege e Nadia Murad)
proiezione del documentario “Mwavita, nata in tempo di guerra” introdotta dall’autore Daniele Bellocchio, lettura di Marina Mazzolani tratta dal libro “L’ultima ragazza” di Nadia Murad, interventi di associazioni e volontari.
A cura di Coordinamento Donne dell’ANPI, Coordinamento Donne CGIL Imola, Associazioni PerLeDonne e Trama di Terre, UDI Imola

Giovedì 6 dicembre, ore 18.30 - Centro interculturale delle donne di Trama di terre (via Aldrovandi 31)
SE FOSSI MIGRANTE. I 12 PUNTI DELL’ACCORDO UE
lo stato dell’arte delle politiche migratorie europee e italiane a partire dal fumetto di Sarà fatto
“Se fossi migrante. I 12 punti dell’accordo UE” con l’autrice Nausicaa Turco, consulente legale nel caso Open Arms

Giovedì 13 dicembre, ore 20 - Cinema Centrale (via Emilia 212)
TRAMA DI VOCI
canti di libertà: concerto del coro di donne native e migranti diretto da Ilaria Petrantuono e a seguire
IBI
proiezione del film di Andrea Segre (Italia, 2017 - 64’). La vita di molte donne migranti costrette a girare il mondo per sopravvivere. Incontro con le operatrici del Progetto Rifugiate (attività del Progetto SPRAR)

Le iniziative sono promosse dall’Assessorato e la Commissione Pari Opportunità


Ina Dhimgjini - Assessora al welfare con delega alle pari opportunità:
"La violenza contro le donne rappresenta un fenomeno purtroppo in continua crescita. Intorno a questo tema non basta più riflettere, occorre dare un segnale forte, compiendo azioni concrete di prevenzione e di repressione di così tanta crudeltà. I numerosi casi di cronaca ci raccontano di donne e madri uccise per mano di chi dovrebbe amarle e proteggerle e ci raccontano altresì di carnefici che sono vittime della loro stessa debolezza umana. Già la Convenzione di Istanbul, infatti, ha sottolineato come la violenza contro le donne è "manifestazione dei rapporti di forza diseguale tra i sessi", con ciò confermando ancora una volta che non si tratta di un problema della società emergenziale, bensì strutturale perché basata sul genere. Un fenomeno, dunque, che può colpire le donne ma qualsiasi soggettività e qualsiasi ambito della nostra vita. L'Amministrazione Comunale ha perciò inteso realizzare un ampio ventaglio di iniziative che non ricordi solo il 25 novembre ma che consenta a noi tutti di affrontare il fenomeno da più punti di vista e nelle sue diverse sfaccettuature. Un ringraziamento va a tutte le associazioni e le istituzioni qui presenti che ancora una volta dimostrano come la forza della rete territoriale sia un valore aggiunto per il nostro territorio"

 


 

Pubblicato da

ultima modifica 14/11/2018 13:19 — pubblicato 13/11/2018 12:00
archiviato sotto: